Week-end

26 Apr

CIVITA DI BAGNOREGIO-VITERBO SOTTERRANEA-VILLA LANTE-TUSCANIA-PALAZZO FARNESE DI CAPRAROLA-BOMARZO

3 GG - Dal 26 Aprile fino al 28 Aprile 2019

MEZZO:

Disponibilità: POSTI ESAURITI

Descrizione del viaggio

Venerdì 26.04
Partenza da Casello Rimini ore 7.15, parcheggio ex BCC Valle Rubicone 7.30 , Casello Cesena h.7.45.
Arrivo a Bagnoregio h. 12
Pranzo in trattoria/ristorante Bagnoregio
h. 15 visita del borgo di Civita di Bagnoregio
Il borgo è situato su di un colle tufaceo immerso nella splendida Valle dei Calanchi. Offre uno spettacolo incomparabile all’osservatore. Lo scrittore Bonaventura Tecchi l'aveva denominata “Città che muore” e questo è in parte vero. Civita di Bagnoregio sorge infatti su un terreno molto precario, situata su una platea tufacea, rischia il crollo perché i vasti banchi d'argilla che la sorreggono sono soggetti a continua erosione. Ne sono testimonianza i maestosi calanchi, in parte ricoperti da una povera vegetazione, che si estendono per chilometri e che al tramonto danno all'intero paesaggio un aspetto lunare. Il meraviglioso borgo di Civita di Bagnoregio è un piccolissimo centro dove il tempo sembra essersi fermato e dove si può giungere soltanto a piedi, percorrendo un ponte in cemento armato realizzato a vantaggio dei pochi cittadini rimasti e dei turisti che la visitano da tutto il mondo. Dalla Rupe orientale di Civita di Bagnoregio si può ammirare lo stupendo spettacolo dei "Ponticelli", enormi muraglioni naturali in argilla, ultima traccia di un processo erosivo iniziato migliaia di anni fa e non ancora cessato
h. 19 arrivo Hotel La Bastia - Soriano nel Cimino

Sabato 27.04
h. 8,30 partenza per Bagnaia e visita dei giardini di Villa Lante della Rovere
Della Villa il fastoso giardino all’italiana rappresenta l’elemento centrale rispetto alle Palazzine gemelle, presenze discrete perfettamente inserite nel verde. Il centro ideale della struttura progettata dal Vignola è la monumentale Fontana dei Quattro Mori. Le altre numerose fontane, teatro di ingegnosi giochi d’acqua, sono collocate nella collina sovrastante
H. 10 partenza per Viterbo, visita della città e della Viterbo sotterranea con aperitivo/degustazione di prodotti tipici della Tuscia. Città dei Papi, capoluogo di antica origine etrusca e di grandi tradizioni storiche, conserva un assetto monumentale tra i più importanti del Lazio: aristocratici palazzi, monumenti ricchi di opere d'arte di spiccato interesse, suggestivi quartieri medievali, chiese e chiostri di varie epoche, torri slanciate ed eleganti fontane in peperino (la tipica pietra delle costruzioni viterbesi). Il nucleo storico iniziò a svilupparsi verso l'anno 1000 intorno all'antica Castrum Viterbii sul Colle del Duomo e nel breve volgere di poco più di due secoli, raggiunse uno sviluppo talmente notevole da contendere alla vicina Roma l'onore e l'orgoglio della sede papale. E' cinta da alte mura medievali merlate e da massicce torri (costruite dal 1095 al 1268), ancora oggi pressoché intatte, con accesso da 8 porte. Quest'area raccoglie, in maniera sintetica, la storia di Viterbo dai primi insediamenti fino all'epoca attuale. Visita alla Piazza S. Lorenzo, dell’esterno di Palazzo dei Papi e della Cattedrale di S. Lorenzo. Visita della Viterbo sotterranea con degustazione di prodotti tipici
h. 13,30 pranzo Ristorante/Osteria
h. 15,30 partenza per Tuscania e visita del colle di San Pietro. La nascita della città è da collocarsi cronologicamente tra l’VIII e il VII sec. a.C., anche se il periodo di maggiore splendore coincide, come per tutta l’Etruria interna, dal IV al I sec. a.C.Dopo il periodo romano e quello immediatamente seguito alla caduta dell’impero, Tuscania non crebbe significativamente. Una fase di ripresa e crescita si ebbe solo a partire dal 778 quando, con la donazione di Carlo Magno, Tuscania entra a far parte del Patrimonio di San Pietro in Tuscia. Nell’XI secolo venne costruita la cattedrale di san Pietro. Oggi questa chiesa è particolarmente nota per lo stupendo rosone ed in generale per la facciata, oltre che per la cripta nella quale sono presenti 28 colonne.
h. 19 rientro in hotel

Domenica 28.04
h. 8.30 partenza per Caprarola e visita del Palazzo Farnese
risalente al 1559-1575, e il parco-giardino che lo abbellisce. Il Palazzo venne eretto su disegno del Vignola, che volle imprimervi il segno della potenza della famiglia Farnese. All’interno si possono ammirare i saloni decorati dagli Zuccari e da altri celebri artisti del manierismo romano ed europeo.
h. 12,00 rientro in hotel e pranzo
h. 15 partenza per Bomarzo e visita del Sacro Bosco
venne ideato e progettato dal principe Vicino Orsini e dal grande architetto Pirro Ligorio nel 1552. Il parco, pur inserendosi a pieno titolo nella composita ed erudita cultura architettonico-naturalista del secondo Cinquecento costituisce un unicum il colto Principe di Bomarzo, si dedicò infatti alla realizzazione di uno straordinario ed eccentrico “boschetto” facendo scolpire nei massi di peperino, affioranti dal terreno, enigmatiche figure di mostri, draghi, ambigui soggetti mitologici e animali esotici, che alterna ad una casetta pendente, ad un tempietto funerario, a fontane, sedili ed obelischi su cui fa incidere motti e iscrizioni. Il “Sacro Bosco”, non rispettando le consuetudini cinquecentesche, si presenta come una soluzione del tutto irregolare, i diversi elementi sono tra loro svincolati da qualsiasi rapporto prospettico e non sono accomunati da alcuna coerenza di proporzioni. Il tutto è inventato e realizzato seguendo criteri iconologici che a volte sfuggono anche ai più appassionati studiosi. Si tratta infatti di un autentico labirinto di simboli che avvolge chiunque vi si addentri fisicamente o intellettualmente in una dimensione surreale.
h. 17.00 partenza per rientro con arrivo ore 21.30 circa

 

Prezzo a partire da: € 275.00

DETTAGLIO QUOTE:

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE € 275 (BASATA SU MIN. 42/53 PAGANTI)
suppl. da 30 a 41 paganti € 15
SUPPLEMENTO CAMERA SINGOLA €30

Caparra all'iscrizione €100. Saldo entro il 5 aprile
ISCRIZIONI ENTRO IL 1 FEBBRAIO o fino disponibilità posti

LA QUOTA COMPRENDE:

Bus Gran Turismo 
Sistemazione in ottimo hotel 3* sup
Trattamento di pensione completa dal pranzo di venerdì al pranzo di domenica
Bevande ai pasti comprese 1/4 vino 1/2 acqua
Visite guidate ed escursioni come da programma
Assicurazione medica
Accompagnatrice agenzia Myricae

LA QUOTA NON COMPRENDE:

Ingressi
Mance 
Assicurazione facoltativa contro penali annullamento
Tutto quanto non espressamente menzionato alla voce "la quota comprende"

Note:

INGRESSI: Civita di Bagnoregio: € 5,00 + navetta pubblica euro 1,50 a/r Villa Lante: € 5,00 Viterbo sotterranea con degustazione prodotti tipici: €. 3,50 Palazzo Farnese: € 5,00 Sacro Bosco: € 10,00



Stampa pagina